venerdì , 22 settembre 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Maria

 

 Nome: Maria

Padre: Paolo Coelho

Età: una ventina d’anni

Nazionalità:  « nella sua sperduta cittadina del Brasile c’erano solo un cinema, un locale e una piccola banca »

Stato civile: Nubile

Professione: prostituta

Residenza: Svizzera

Professione genitori: « il padre faceva il venditore ambulante, la madre era sarta »

Primo amore: « s’innamorò per la prima volta a undici anni, mentre si recava a piedi da casa fino alla scuola. Il primo giorno di lezione, scoprì infatti di non essere l’unica a fare quel percorso: accanto a lei camminava un ragazzino che viveva nelle vicinanze e frequentava le lezioni nel suo stesso orario. I due non scambiarono mai una parola, ma Maria cominciò ad accorgersi che il momento della giornata che più le piaceva era quello in cui avanzava lungo la strada polverosa, malgrado la sete, la stanchezza e il sole a picco, con quel ragazzino che procedeva lesto mentre lei si sfiniva nello sforzo di mantenere la sua andatura »

Primo bacio: « quando compì quindici anni, si innamorò di un ragazzo conosciuto durante una processione della Settimana Santa. Non ripeté l’errore dell’infanzia: chiacchierarono, divennero amici, cominciarono ad andare al cinema e alle feste insieme. Lei notò che, proprio com’era accaduto con il ragazzino, l’amore poteva essere associato più all’assenza che alla presenza dell’altro: continuamente sentiva la mancanza di quel ragazzo, passava ore a immaginare di cosa avrebbero parlato al prossimo appuntamento e a ricordare ogni secondo trascorso con lui, sforzandosi di scoprire ciò che di giusto o di sbagliato aveva fatto. […] Conversando, Maria domandò al ragazzo se non avesse il desiderio di viaggiare; lui, invece di rispondere, la strinse fra le braccia e le diede un bacio. Il primo bacio della sua vita! Quanto aveva sognato quel momento! »

Prima volta: « Maria e il suo fidanzato si stavano accarezzando con più ardore del solito; il ragazzo si eccitò tremendamente e lei, stanca di essere l’ultima vergine nel gruppo di amiche, acconsentì che lui la penetrasse. Al contrario della masturbazione, che la portava in cielo, quell’atto la lasciò solo dolente, con un filo di sangue che le macchiò la gonna e che fu difficile da lavar via. Non provò la sensazione magica del primo bacio. »

Concezione sugli uomini: « così giunse alla conclusione che gli uomini arrecavano solo dolore, frustrazione e sofferenza, oltre alla sensazione che i giorni si trascinassero. Un pomeriggio, mentre era nel parco e osservava una mamma giocare con il suo bimbo di due anni, decise che avrebbe potuto pensare ancora a un marito, a dei figli e a una casa affacciata sul mare, ma che non si sarebbe innamorata mai più, visto che la passione rovinava tutto. »

Lascia il Brasile per trovare successo in Svizzera. Dopo aver lavorato come ballerina in un locale, decide di sperimentare una nuova strada:

« ho scoperto il motivo per cui un uomo paga una donna: vuole essere felice. Di certo, non pagherà mille franchi solo per avere un orgasmo. Vuole essere felice. E anch’io lo voglio: tutti lo vogliono, e nessuno riesce ad esserlo. Cos’ho da perdere, se decido di trasformarmi per qualche tempo in una… E’ una parola difficile da pensare e scrivere…Ma via!…cosa posso perdere, se decido di essere una prostituta per un po’ di tempo? L’onore. La dignità. Il rispetto per me stessa. A ben pensare, non ho mai avuto nessuna di queste tre cose. Non ho chiesto io di nascere, non sono mai riuscita a farmi amare, ho sempre preso le decisioni sbagliate – ora sto lasciando che la vita decida per me. »

(mc)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com