venerdì , 21 luglio 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Jules Maigret


Nome: Jules Maigret

Padre: Georges Simenon

Professione: commissario di polizia a Parigi

Imponente: cinquantenne «grasso, florido borghese, con la sua pipa, il suo tabacco popolare, con il suo gusto a rischio per il vino e il cibo, con il suo cappello duro, il suo soprabito dal bavero di pelliccia, con il suo ombrello imbarazzante, con le sue scarpe con l’elastico». L’attore Gino Cervi è il suo clone umano meglio riuscito.

Burbero: «un Maigret pesante e imbronciato aprì alle nove la porta degli ispettori»; «rincasò per pranzo e la signora Maigret, dopo aver visto il suo aspetto imbronciato, evitò di fargli domande»;

Metodico: «Ci dica, commissario, qual è il suo metodo?…» (…) «Secondo me, lei è tendenzialmente bergsoniano…».

«Sapeva che, in ogni inchiesta, c’era da superare un momento come quello e che per combinazione, a meno che non fosse un istinto a guidarlo, quasi ogni volta gli succedeva di bere un po’ troppo. (…) Bisognava fare conoscenza il più rapidamente possibile, fare domande, credere o non credere alle risposte, evitare di farsi troppo presto un’opinione. Era quello il periodo in cui uomini e cose erano nitidi, ma un po’ lontani, anonimi ancora, impersonali. Poi, ad un dato momento, quasi senza motivo, tutto si metteva “a gorgogliare”. I personaggi diventavano nello stesso tempo più morbidi e più umani, ma soprattutto più complessi. Ed era allora che bisognava stare attenti».

Armato di psicologia: «Il commissario Maigret, della Polizia giudiziaria, era abituato a veder irrompere prepotentemente nella sua vita persone che gli imponevano la loro presenza per giorni, settimane o mesi e poi venivano di nuovo inghiottite dalla folla anonima. Lo sferragliare del treno scandiva le sue riflessioni, sempre le stesse all’inizio di ogni inchiesta. Questa sarebbe stata appassionante, banale, ignobile o tragica?»

«Prima di tutto, aveva bisogno di comprendere. E’ facile capire un uomo che ha rubato, che ha ucciso per non essere preso, per gelosia o in un accesso di collera o, ancora, per assicurarsi un’eredità. Questi delitti, di normale amministrazione a volte gli davano filo da torcere, ma non lo sconvolgevano mai. “Imbecilli!” era solito brontolare. Maigret infatti riteneva che se i criminali fossero intelligenti non avrebbero bisogno di uccidere. Comunque, riusciva sempre a mettersi nei loro panni».

 

 

Riferimenti:

Les vacances de Maigret
Maigret et l’indicateur (dall’Introduzione di O. Del Buono)
La folle de Maigret
Maigret et la vieille dame
Le port des brumes
Maigret tend un piège

 (sd)

Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com