martedì , 12 dicembre 2017
Le news di Asterischi

Personaggio in cerca d’autore: Pitagora

Nome: Pitagora

Padre: Piergiorgio Odifreddi

Personalità: «Sembra fosse un po’ tocco. Pitagora si riteneva infatti la reincarnazione di diverse persone, e sosteneva di ricordarsi delle loro vite precedenti: dunque, doveva essere un letterale schizofrenico.»

«Non stupisce che qualcuno testimoniasse di aver intravisto il maestro nudo, notando che avesse un’anca d’oro. E che qualcun altro sostenesse di averlo visto attraversare il Nesso, udendo che il fiume lo salutava “Ciao, Pitagora!”.»

Stile di vita: «E anche un bacchettone, visto che predicava di non esagerare nel bere e nel mangiare, di limitarsi all’acqua e di evitare la carne, i pesci rossi e le fave.»

«Nessuno l’ha mai visto ridere, né scherzare: come Gesù d’altronde. E nemmeno soddisfare necessità corporali di nessun genere. Anche se sua moglie Teano l’avrà tentato, visto che di lei si tramanda il motto: “Il pudore è come un vestito: quando si va a letto è bene toglierlo, e quando ci si alza è bene rimetterlo”.»

Il Club di Pitagora:

La sede: Crotone

I membri: «Mathematikos, “apprendista”, che nel Club indicava i discepoli ai quali venivano impartite le spiegazioni delle cose. Gli altri invece, che venivano indicati con il nome di akousmatikos, “uditore” o “ascoltatore”, dovevano accontentarsi di imparare fatti e regole, ma senza sapere perché. Ovvero, chi ha solo orecchie per ascoltare, ascolti. Ma chi ha il cervello per apprendere, apprenda.»

La triste sorte: «Verso il -500 fu data alle fiamme da un candidato che non era stato ammesso tra gli accoliti. O dai crotonesi, che ne avevano ormai le fave piene di quella vera e propria setta segreta, in cui Pitagora ricopriva il ruolo di profeta o di santone.»

(cds)


Informazioni su asterischi

asterischi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

shared on wplocker.com